Newsletter automatica per Podcast e Blog con Mailchimp

Come creare una newsletter automatica per il proprio Podcast, Blog o canale YouTube?

Ecco un mini tutorial in cui vi spiego come sia semplice creare una newsletter automatica per podcast, blog e video grazie a Mailchimp, la scimmietta tuttofare che rivoluziona il modo di interagire con il nostro pubblico.

Si tratta di una risorsa eccezionale per le newsletter e ricca di automazioni. Basterà registrasi su Mailchimp per settare un’audience, collegare ad essa campagne email, adv, sondaggi, gestire i form, creare landing pages e appunto creare una newsletter automatica per podcast e blog (o insomma per tutto ciò che possiede un feed rss).

Mailchimp è davvero colmo di tools e ci si perde facilmente al suo interno per tutte le cose che ci consente di fare! Ma ha anche delle ottime risorse (guide e faq), che ti consentono di comprenderne facilmente l’utilizzo.

E’ assolutamente gratuito sino a 2000 contatti e 10.000 invii e si integra benissimo con i siti wordpress (mediante widget per l’inserimento di pop-up form o come semplice “blocco” per iscriversi).

Ecco un esempio qui sotto del blocco per iscriversi su wordpress!

Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell’elenco.

Tieni a mente che, trattandosi di dati, per utilizzare Mailchimp legalmente dobbiamo rispettare il GDPR ed è perciò necessario avere un piano per cookie e privacy sul nostro sito. Per generarlo facilmente ti consiglio di utilzzare Iubenda e ti offro il 10% di sconto sul primo anno di abbonamento al servizio.


Ma come facciamo a creare una newsletter automatica ed inviarla ai nostri iscritti ogni volta che pubblichiamo un nuovo episodio del podcast, video o post del blog?

Una volta registrati e settate le impostazioni di base (piuttosto intuitive), creiamo l’automazione email “Share Blog Updates” all’interno della sezione “automate” (non audience!!!) di Mailchimp.

Eccola nelle immagini sotto.

Basterà dare un nome alla campagna e inserire il gruppo dei destinatari (ovvero la nostra mailing list principale).

Nel mio caso si chiama “Maria Chiara Virgili Podcast Community”.

Nelle impostazioni dell’automazione bisognerà semplicemente settare il feed RSS del proprio podcast, blog o canale YouTube.

Ecco “come sono fatti” i miei:

Dannati Architetti Podcast

Trovi il feed RSS nelle impostazioni del tuo hosting, io utilizzo Spreaker: https://www.spreaker.com/show/4302924/episodes/feed

The Podcast Blog

Per tutti i siti blog basta aggiungere /feed alla fine dell’indirizzo: https://mariachiaravirgili.com/feed/

Chiara Red Canale YouTube

Va aggiunto l’ID del canale che trovate nelle impostazioni avanzate di YouTube: https://www.youtube.com/feeds/videos.xml?channel_id=UChHDl7K_0vDP_FrBCG_jbmQ

E’ chiaro che andrà ripetuta la stessa operazione creando un’ automazione email per ciascun canale (blog, eventuale secondo podcast o canale YouTube).


Andiamo a vedere più da vicino le impostazioni della Newsletter automatica del Podcast o del Blog

Ecco, ad esempio, quelle della newsletter automatica di Dannati Architetti Podcast!

Una volta deciso l’orario di invio della mail (per esempio ore 10 AM tutti i giorni della settimana (occhio al fuso orario perché nelle impostazioni di default non è il nostro!!)), Mailchimp farà un check del feed e spedirà automaticamente la newsletter quando troverà un nuovo contenuto caricato.

E’ chiaro che se pubblichiamo un nuovo episodio alle 9 di mattina, la mail non partirà alle 10 del giorno stesso, perché probabilmente Mailchimp non avrà ancora aggiornato il feed (impiega intorno alle 3 ore).

Quindi di conseguenza la mail partirà la mattina dopo!

Ma non è finita qui perché ci sono anche altre importanti impostazioni da settare, come le voci nell’oggetto della mail, il mittente e le opzioni di tracciamento integrabili naturalmente con Google Analytics.

Quando vedete voci come *|RSSFEED:TITLE|* o cose che vi sembrano apparentemente strane, tenete in considerazione che Mailchimp le imposta per noi. Quindi niente paura! Si chiamano Merge Tags e vanno a prendere i dati dal nostro feed RSS per compilare la mail in modo automatico in tutti i suoi campi.


Disegnamo la nostra Mail!

Nella sezione “design” della newsletter potrete configurare a vostro piacimento la mail inserendo un header, delle grafiche e i richiami ai vostri social partendo da un template.

Una volta scelto, giungiamo finalmente al corpo della mail e noteremo che i merge tags sono ancora una volta configurati in partenza da Mailchimp!

Comprendono titolo dell’episodio, autore, data di uscita e nome del podcast, ma se ne possono aggiungere degli altri (ad esempio la descrizione).

Per vedere come risulterà la mail, potrete cliccare su preview and test, generare un’anteprima su più dispositivi o mandarvi direttamente una mail di prova.

Una volta configurata la mail, ricordatevi che potete salvarla come nuovo template per poi utilizzarlo in una futura/altra automazione.

L’ *|RSSITEM:TITLE|* è il merge tag più importante e conterrà il nome con il link alla nuova puntata (a cui fa riferimento la mail).

Se ci clicchiamo sopra ci rimanderà a Spreaker (ovvero la fonte dell’RSS feed in questo specifico caso).

Tenete in considerazione che l’unica limitazione delle mail automatiche, è che non è possibile “embeddare” un player (audio o video), cosa che invece potremmo potenzialmente fare se le compilassimo a mano.

Non avremo un player né vedremo la copertina d’episodio nel caso di un podcast, mentre per quanto concerne YouTube, non avremo la solita thumbnail del video con la finestra di riproduzione*.

*A meno che non venga inserito un video specifico nella mail automatica, ma è piuttosto inutile dal momento in cui resterebbe sempre lo stesso per tutte le mail che rimandano a video diversi! E no… non è possibile embeddare una playlist ordinata per data di caricamento purtroppo.

Quindi che si fa se i link non sono renderizzabili?

In sostanza per rendere la mail più carina e invogliare chi la legge a cliccare “play“, ho emulato il lettore di Spotify (nel caso dei podcast) utilizzando un’immagine ed un link di rimando al podcast ad essa collegato.


La parte più difficile sta nel creare un’audience.

A parte i vari tool integrabili con i siti WordPress, Mailchimp ci mette a disposizione un link al form di iscrizione che potrete inviare a chi volete o ad esempio inserire in una pagina linktree o multi.link da condividere sui social (ad esempio nel link in bio di Instagram) o nelle descrizioni di un episodio o di un video.

La nostra simpatica scimmietta non ci obbliga quindi ad avere un sito. Anzi, proprio per questa ragione vi offre anche la possibilità di creare una landing page direttamente sulla piattaforma, contenente naturalmente il pulsante per iscriversi alla newsletter.

Ma andiamo a vedere come si crea il

Nella sezione Create, andiamo su Signup Form.

Nella sezione Signup Forms ve ne sono diversi a seconda delle necessità.

Ecco qui sotto l’elenco completo.

Il Subscriber Pop-up è da integrare per forza di cose in un sito, in quanto compare come finestrella non appena ci colleghiamo ad esso, e ci invita ad iscriverci. E’ presente anche in questo sito 🙂

I Form Integrations sono ulteriori form da applicare ad altri siti/app o integrazioni come ad esempio Squarespace (ma non ci interessano in questa occasione e non è detto che ci serviranno in futuro).

A proposito di integrazioni, è possibile collegare Mailchimp ad una Pagina Facebook in modo da avere il pulsante iscriviti anche lì e raccogliere più adesioni.

Per farlo segui questa guida perchè bisognerà accedere ad un altro menù.

Gli Embedded Forms sono invece codici da “incollare” su un sito mediante il blocco “html personalizzato”. Sostanzialmente sono dei box di iscrizione fissi e possono avere diversi aspetti grafici. Dal classico al condensato (solo pulsante).

Ecco la schermata delle impostazioni su Mailchimp per il Classic Form

Ecco qui sotto il risultato applicato al sito incollando il codice.

Subscribe

* indicates required
Ricevi solo

Powered by MailChimp

Seleziona le modalità attraverso le quali desideri ricevere aggiornamenti email da Maria Chiara Virgili Podcast Creator:

Puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento facendo click sul collegamento a piè di pagina delle e-mail. Per informazioni sulla privacy, visitare il nostro sito Web.

We use Mailchimp as our marketing platform. By clicking below to subscribe, you acknowledge that your information will be transferred to Mailchimp for processing. Learn more about Mailchimp’s privacy practices here.

Ma a noi, prima di tutto, interessa accedere al Form Builder. Che è il cuore del nostro Form, ovvero il luogo dove lo andremo a costruire per poi utilizzarlo nelle modalità sopra illustrate e anche attraverso il magico link che ci semplifica la vita!

Clicchiamo quindi sull’icona gialla del Form Builder (immagine sopra).

Per configurarlo al meglio, oltre a modificarne i testi, è essenziale intervenire sulle impostazioni, perché dovremo tenere conto del GDPR ed eventualmente collegare Google Analytics.

Il Form Builder creerà automaticamente tutte le schermate correlate, come la conferma di iscrizione, la schermata di errore se non si flagga un campo obbligatorio e via dicendo.

Il signup form url che vedete nella schermata sopra è lo short-link che potrete condividere per raccogliere adesioni ed indirizzi email!


Audience Segments ed impostazioni avanzate

Se produciamo contenuti differenti, una cosa interessante che potremmo fare è frammentare il pubblico in fase di registrazione (sempre attraverso il sign-up form), e differenziare così le varie email automatiche.

Inserendo delle check boxes creeremo dei gruppi di email che si basano sugli interessi dei nostri iscritti.

In modo tale che se un utente fosse intenzionato ad esempio a ricevere solo le mail relative ad un podcast specifico, può tranquillamente farlo spuntando la casella apposita.

Si tratta di una procedura più avanzata poiché, per ciascuna automazione email (newsletter), bisognerà stabilire delle regole ben precise nella sezione “recipients“.

Anziché quindi inviare a tutti i contatti, bisognerà specificare un “audience segment“.

Da tenere in considerazione che per aderire alla newsletter, non vi è l’obbligo di mettere le spunte nel form! Quindi sarebbe opportuno creare una regola che invii comunque tutte le mail in questo specifico caso, ed anche per chi ad esempio si iscrive attraverso i blocchi su wordpress o mediante il pop-up form (perché in questi casi non è prevista una scelta in fase di adesione alla newsletter).

Ecco un esempio di regole avanzate.

Una volta configurate le vostre newsletter, potrete trovarle (ed eventualmente modificarle o interromperle in un secondo momento ) dal pannello ongoing campaigns che vi mstrerà tutto quello che è attualmente attivo.


Conclusioni

Ci sono davvero un sacco di altre cose che puoi fare ed automatizzare…

Ma questo articolo mostra solo alcune features di Mailchimp. Quindi per qualsiasi informazione sul suo utilizzo ed il corretto settaggio di impostazioni, regole e tools non illustrati in questa sede, contattami pure.

Sarò felice di aiutarti a creare la tua newsletter!

Spero che che ti sia stato utile scoprire come creare una newsletter automatica per podcast e blog. Se ti va lasciami un commento per farmi sapere cosa ne pensi e cosa ti piacerebbe che approfondissi o trattassi in un prossimo post!

Grazie per aver letto fino a qui!

Chiara


Elaborazione in corso…
Fatto! Sei nell’elenco.

Articoli correlati


Se vuoi aiutarmi a sostenere le spese di gestione e a crescere come podcast creator. Se ti piacciono i miei contenuti e ti sto pure simpatica.

Allora, puoi farlo in diversi modi:

(ed io ti sarò eternamente grata!)
Lascia una review ai podcast dopo averli ascoltati

Puoi farlo solo se ascolti da iTunes Podcast

💬 Entra a far parte della community

Seguimi su Instagram o iscriviti al Gruppo Telegram

📧 Iscriviti alla newsletter

Seleziona le tue preferenze e resta sempre aggiornato

Pubblicato da Maria Chiara Virgili

Mi chiamo Maria Chiara Virgili e sono un'autrice comica. Creo podcast e video d'intrattenimento per il web. Condivido digital tips & tricks sul mio blog.